Addio al fotografo Robert Freeman, storico collaboratore dei Beatles – R3M

Sorgente: Addio al fotografo Robert Freeman, storico collaboratore dei Beatles – R3M

 

ADDIO AL FOTOGRAFO ROBERT FREEMAN, STORICO COLLABORATORE DEI BEATLES

Il fotografo Robert Freeman, autore di alcune storiche copertine dei Beatles, è morto ieri sera 8 Novembre a Londra. L’artista, ottantaduenne, negli anni sessanta ha collaborato ad alcuni dei dischi più importanti dei Fab Four.

ROBERT FREEMAN E BEATLES, UNA COLLABORAZIONE PERFETTA

Il suo nome è legato, indissolubilmente, alla storia dei Beatles: è stato il fotografo (e l’ amico) che ha accompagno la band di Liverpool in giro per il mondo. È stato, allo stesso tempo, anche il primo autore del calendario Pirelli, nell’anno 1963. Il fotografo londinese, inoltre, ha raccontato e raccolto tutte le sue esperienze con i Fab Four nel libro fotografico “I Beatles” (Rizzoli 1993).

Tra il 1963 e il 1966, Freeman ha collaborato con una delle band più rivoluzionarie del pianeta, contribuendo al loro successo con i suoi iconici scatti. Tra i suoi lavori più importanti ricordiamo le cover di album come “With The Beatles”, “Beatles for Sale”, “Help!” e “Rubber Soul”.

“Ci mancherai Robert Freeman, eri un uomo straordinario. Tutti i bei ricordi che abbiamo di te non scompariranno mai.” Ha scritto Paul McCartney rendendogli omaggio sui social, aggiungendo poi: “Era un artista vero e molto fantasioso. Era un gran professionista e un gran pensatore: è stato uno dei miglior fotografi con cui abbiamo mai lavorato.”

L’ORIGINE DI ALCUNE DELLE PIÙ GRANDI COPERTINE DEI BEATLES

McCartney ha poi spiegato l’origine della copertina di Rubber Soul: “Freeman collaborò con noi anche per quanto riguarda Rubber Soul. Di solito usava un proiettore per diapositive e proiettava le foto su un pezzetto di cartoncino, lei cui misure erano identiche a quelle dell’album, in modo da rendere l’idea del prodotto finale. Ad un tratto mentre controllava il cartoncino, gli cadde e la foto assunse quell’effetto ‘distorto’. E così, invece di rimetterla in ordine, decidemmo di tenerla così: ci piaceva l’idea di questa nuova versione.”

Freeman è stato l’ideatore anche di un’altra storica copertina, quella di “With the Beatles”, creata il 22 agosto del 1963 nel Palace Court Hotel di Bournemouth. Rob all’epoca ricordò: “In teoria dovevano adattarsi tutti al formato della copertina, poi pensai che, piuttosto di metterli tutti in linea, avrei potuto sistemare Ringo Starr nell’angolo in basso a destra. D’altronde era stato lui l’ultimo ad unirsi alla band e poi era anche il più basso.“

Il bassista e cantautore britannico Paul McCartney, ripercorrendo quei momenti, disse: “Freeman era incredibile. Ci sistemò in questo corridoio stretto dell’hotel e giocò molto con le luci: usando quella proveniente da una finestra vicina riuscì ad ottenere quell’immagine molto ‘lunatica’ che vedete. Riuscì a fare tutto magnificamente e anche in pochissimo tempo.”

Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *